Premessa

Come tutte le belle storie “Giochi Senza Pensieri” nasce dall’inconsapevolezza di coloro che in quel 1993 pensavano di organizzare un passatempo in paese per trascorrere alcuni giorni in allegria.
Nel 1993 in tutta la Città di San Giovanni Teatino era noto che la consueta e coinvolgente manifestazione del “Palio delle Contrade”, organizzata dall’associazione “Il Sambuco” a partire dal 1984, aveva disputato dopo 9 anni consecutivi, l’anno precedente, la sua ultima edizione. In questi 9 anni il “Palio” era riuscito a coinvolgere dapprima tutti gli abitanti del territorio comunale fino ad arrivare, anno dopo anno, a valicare ben oltre i confini locali. Il “Palio delle Contrade” consisteva nel confronto tra squadre di diverse zone del nostro territorio che si sfidavano in giochi tradizionali locali e giochi inventati per l’occasione. Scopo principale della manifestazione era di divertire il pubblico e soprattutto i partecipanti. Purtroppo negli anni il continuo confronto accese sempre più gli animi dei contradaioli, al punto da trasformare il clima di festa in momenti di ingiustificate tensioni tra i compaesani, e fu probabilmente per questo motivo che gli organizzatori de “Il Sambuco”, guidati all’epoca dal Dott. Verino Caldarelli, decisero di dire basta all’ormai famosa manifestazione.
La contrada di San Giovanni Teatino Alta era tra le meglio organizzate, tanto che delle nove edizioni del “Palio” ne vinse addirittura quattro, perché mossi da uno “spirito di paese” che era riuscito a compattare tutti attorno all’evento dei giochi, tanto da organizzare allenamenti in piazza con vere e proprie eliminazioni, preparando così l’atteso evento estivo senza lasciare nulla al caso già diversi mesi prima.
Improvvisamente l’assenza del “Palio” creò una sensazione di vuoto. Bambini, adulti e anziani ripensavano agli incontri in piazza per fare le prove, alle gare, ai sorrisi. Tutto era svanito senza l’appuntamento dell’evento atteso per tutto l’anno.
Fu allora che dopo tanti incontri tra quei giovani del paese, protagonisti di quelle splendide estati e splendidi successi, nacque l’idea di organizzare una manifestazione nella parte alta del paese che ricalcasse il “Palio”, sebbene in forma assolutamente minore e riservata ai soli residenti locali, per ricreare quelle belle serate all’insegna dell’allegria e della spensieratezza, da qui, nel luglio 1993, nasce la prima edizione di “Giochi Senza Pensieri”.
Per quei ragazzi che decisero di lanciarsi in questa avventura non fu facile perché la differenza tra l’organizzare una squadra e quella di organizzare un intero evento fu notevole, ma l’entusiasmo e la voglia di divertirsi presero da subito il sopravvento alle paure e le incertezze che sempre si insidiavano. [continua…]